Elettronica senza fili impianti Stop stafilococco, Quindi innocuo sciogliere

29 01 2015

Ricercatori Tufts University, in collaborazione con un team presso il Università di Illinois a Champaign-Urbana, hanno dimostrato un impianto elettronico riassorbibile che ha eliminato l'infezione batterica in topi di fornire calore al tessuto infetto quando attivato da un segnale wireless remoto.  La seta e il magnesio dispositivi quindi innocuo disciolto in prova gli animali. La tecnica precedentemente era stata dimostrata solo in vitro. La ricerca è pubblicata online negli atti dell'Accademia delle scienze primi edizione nazionale la settimana di novembre 24-28, 2014.

“Questo è un dimostrazione importante passo avanti per lo sviluppo di dispositivi medici su richiesta che può essere attivata da remoto per eseguire una funzione terapeutica in un paziente e poi tranquillamente scomparire dopo il loro utilizzo, che richiedono nessun recupero,” ha detto l'autore senior Fiorenzo Omenetto, professore di ingegneria biomedica e Frank C. Doble professore presso la Tufts scuola di ingegneria. “Queste strategie senza fili potrebbero aiutare a gestire l'infezione post-chirurgica, per esempio, o preparare il terreno per eventuali ' wi-fi’ consegna della droga.”

Dispositivi medici impiantabili in genere utilizzano materiali non degradabili che hanno limitato la durata operativa e devono alla fine essere rimosso o sostituiti. I nuovi dispositivi wireless terapia sono abbastanza robusti per sopravvivere meccanica di movimentazione durante la chirurgia, ma progettati innocuo sciogliere entro minuti o settimane a seconda di come è stata elaborata la proteine della seta, ha notato il primo autore dell'articolo, Hu Tao, PH.d., un trapuntare ex post-dottorato associano chi è ora la facoltà dell'Istituto di microsistema di Shanghai e Information Technology, Accademia cinese delle scienze.

Ogni dispositivo di riscaldamento senza fili completamente dissolvable consisteva di un resistore di serpentino e una bobina di potenza di ricezione di magnesio depositato su uno strato di proteine della seta. Il riscaldatore di magnesio è stato incapsulato in una seta “tasca” che protetta l'elettronica e controllato il suo tempo di dissoluzione.

Dispositivi sono stati impiantati in vivo nei S. aureus infettato tessuto e attivato da un trasmettitore wireless per due set di 10 minuti trattamenti termici. Tessuto raccolto dai topi 24 ore dopo il trattamento ha mostrato alcun segno di infezione, e tessuti circostanti sono stati trovati per essere normale. Dispositivi completamente disciolti dopo 15 giorni, livelli di magnesio e presso l'impianto sito e le zone circostanti erano paragonabili a livelli tipicamente presenti nel corpo.

I ricercatori hanno anche condotto esperimenti in vitro in cui simili controllati a distanza dispositivi rilasciato l'antibiotico ampicillina per uccidere E. coli e S. aureus batteri. L'attivazione dei dispositivi wireless è stato trovato per migliorare rilascio antibiotico senza ridurre l'attività antibiotica.

Omenetto detiene un appuntamento aggiunto del dipartimento di fisica nella scuola di arti e scienze presso la Tufts, nonché gli appuntamenti nei dipartimenti di ingegneria biomedica e chimica e ingegneria biologica nella facoltà di ingegneria.

Oltre a Omenetto e Tao, autori sulla carta erano autore co-primo Suk-Won Hwang, precedentemente del dipartimento di scienza dei materiali e ingegneria, Beckman Institute for Advanced Science and Technology, and Frederick Seitz Materials Research Laboratory, University of Illinois at Urbana-Champaign, e ora a KU-KIST laureato scuola di convergenza tra scienza e tecnologia,Korea University; Benedetto Marelli, Bo un, Jodie E. Moreau, Marzio Yang, e Mark A. Brenckle, Dipartimento di ingegneria biomedica, Tufts University; Stanley Kim, Department of Materials Science and Engineering, Beckman Institute for Advanced Science and Technology, and Fre laboratorio di ricerca materiali Frederick Seitzersity of Illinois at Urbana-Champaign; David L. Kaplan, Dipartimento di ingegneria biomedica e dipartimento di chimica e ingegneria biomedica, TuftsTufts Universityo-corrispondente di autore John A. Rogers, DepDipartimento di scienza dei materiali e ingegneriaeckmBeckman Istituto di scienza e tecnologie avanzateoratorio di ricerca materiali Frederick Seitz, Dipartimento di chimica, e dipartimento di elettrica e ingegneria informatica, UnivUniversità di Illinois aUrbana-Champagne

Ricerca segnalato in questa carta è stata sostenuta da sotto numero premio P41-EB002520 il National Institutes of Health e dalla National Science Foundation sotto concessione numero DMR-1242240.

“Dispositivi elettronici riassorbibili basati su seta per terapia controllata in remoto e abbattimento di infezione in vivo,” http://www.pnas.org/cgi/doi/10.1073/pnas.1407743111

Situato su ciuffi’ Campus Medford/Somerville, Ciuffi’ Scuola di ingegneria offre una rigorosa formazione ingegneria in un ambiente unico che fonde le risorse intellettuali e tecnologiche di un'Università di ricerca di livello mondiale con i punti di forza di un top-classifica liberal arts college. Strette collaborazioni con ciuffi’ laurea eccellente, scuole laureate e professionale, accoppiato con una lunga tradizione di collaborazione, fornire una piattaforma forte per borsa di studio e di formazione interdisciplinare. Missione di facoltà di ingegneria è quello di educare gli ingegneri impegnati all'applicazione innovativa ed etica della scienza e della tecnologia nell'affrontare la maggior parte delle esigenze della società premendo, sviluppare e coltivare le doti di leadership XXI secolo nei suoi allievi, Facoltà, e alumni, e di creare e diffondere trasformazionale nuove conoscenze e tecnologie che ulteriormente il benessere e la sostenibilità della società in settori trasversali come la salute umana, sostenibilità ambientale, energia alternativa, e l'interfaccia uomo-tecnologia.

 

 

Now.tufts.edu [en línea] Boston, MA (STATI Now.Tufts.eduCA): now.tufts.edu, 29 de enero de 2015 [Ref. 24 Novembre di 2014] Disponibile su Internet:http://Now.Tufts.edu/News-Releases/wireless-Electronic-implants-stop-Staph-then-harmlessly-dissolve



Proyecto 3D virtuale ecografia

26 01 2015

Estudiantes de la UPC, en colaboración con el di el IDIBELL y HUB, essi presentano nuove tecnologie per migliorare il trattamento del dolore neuropatico

3D ecografia virtuale è il primo frutto dell'accordo di collaborazione tra l'Università tecnica della Catalogna (UPC), l'Istituto di ricerca biomedica di Bellvitge (IDIBELL) e l'Ospedale Universitario de Bellvitge (MOZZO) per aumentare la ricerca biomedica e trasferimento tecnologico.

 

Gli studenti UPC sapere circa il probleama ecoguide puntura professionisti

Da un lato, l'accordo consente UPC studenti imparano circa le esigenze della forza lavoro per sviluppare soluzioni innovative in ambiente ospedaliero e, D'altro canto, Esso fornisce l'accesso alle tecnologie esistenti in UPC ricercatori, in particolare per i gruppi di ricerca associati de scuola tecnica superiore Ingeniería de Telecomunicación di Barcellona (ETSETB). L'unità di innovazione presso il IDIBELL partecipa alla gestione e monitoraggio delle relazioni di vehiculando collaborazione tra partner.

 

Il progetto virtuale ecografia 3D proviene da un vero problema identificato dal Dr. Thomas domenica, unità medica del dolore del servizio dell'unità di anestesia, Terapie di rianimazione e dolore del mozzo. Esso è migliorare ecoguide puntura per trattare il dolore da design, costruzione e validazione di un sistema che permette di ottenere un'immagine 3D, che consente di visualizzare la posizione e l'orientamento dell'ago nel tessuto del paziente in modo tale che riduce la puntura tempo e disagio per il paziente.

 

Due squadre di 10 studenti che ciascuno effettuata una proposta di soluzione nell'ambito del progetto soggetto avanzato di ingegneria, riferendosi al terzo corso dei gradi dell'ETSETB da UPC. Questo è uno dei tre soggetti di progetti che gli studenti, seguendo la metodologia CDIO, destinato ad avere esperienze di progettazione che risolvere i problemi reali. Le soluzioni includono hardware che determina la posizione della sonda e un software di elaborazione immagine che genera la visualizzazione 3D da immagini 2D acquisite con l'ecografia.

Per la realizzazione del progetto, SonoSite azienda ha fruttato un dispositivo ad ultrasuoni (M-TURBO) con una sonda longitudinale y una convexa, para los estudiantes puedan hacer pruebas in situ y llegar un una solución tecnológica del Problem.

 

 

Idibell.cat [en línea] Barcellona (ESP):IDIBELL.catt, 26 de enero de 2015 [Ref. 14 de enero de 2015] Disponibile su Internet: http://www.idibell.cat/ modul/noticias/es/748/estudiantes-de-la-upc-en-colaboracion-con-el-idibell-y-el-hub-presentan-nuevas-tecnologias-para-mejorar-el-tratamiento-del-dolor-neuropatico



Ricercatori danesi hanno uno stadio più vicino verso un antidoto di cocaina

22 01 2015

I ricercatori dell'Università di Copenaghen hanno acquisito nuova spaccato il meccanismo dietro un trasportatore della dopamina proteina che potrebbe aiutare nello sviluppo di futuri trattamenti medici contro la dipendenza da cocaina.

"Se abbiamo una migliore comprensione della funzione del trasportatore di dopamina diventiamo più abile nello sviluppare un antidoto contro la dipendenza da cocaina,"dice il professore associato Claus Juul Loland dalla Dipartimento di neuroscienze e farmacologia. Attualmente non esiste alcun trattamento medico disponibile per la dipendenza da cocaina. I risultati sono stati pubblicati nella Giornale di chimica biologica.

Scoperta del meccanismo cruciale

La dopamina è una molecola di segnalazione nel cervello che è coinvolto nella nostra sensazione di ricompensa, motivazione e, così, tossicodipendenze. Il trasportatore della dopamina funziona come un aspirapolvere molecolare rimuovendo la dopamina rilasciata, controllando quindi la sua segnalazione. Scoperta del ricercatore è un'interazione, un cosiddetto cancello, che controlla l'accesso per dopamina al suo sito di legame della proteina. "Abbiamo trovato due amminoacidi nelle proteine che dinamicamente si rompe e forma un'interazione. La dinamica è quindi cruciale per il processo di trasporto,"dice Loland.

Oltre a controllare la funzione, la costellazione di due amminoacidi è importante per la struttura complessiva della proteina: "La rottura dell'interazione potrebbe essere quindi una firma per l'associazione di cocaina e droghe come cocaina,"egli aggiunge.

Verso un antidoto di cocaina

Cocaina agisce come un inibitore del trasportatore della dopamina, ma i ricercatori hanno trovano altri inibitori che anche se hanno associare al trasportatore della dopamina con la stessa forza come cocaina, non produrre la stessa risposta stimolatorio quando somministrato ai ratti.

Utilizzando biochimica e farmacologia molecolare, essi erano in grado di caratterizzare i mutanti del trasportatore della dopamina e come loro funzione deviato dal trasportatore non-mutato. Al contrario di cocaina, il non-stimolante – o atipici – farmaci sembrano legarsi a una forma più chiusa del trasportatore della dopamina.

Se i ricercatori possono calcolare fuori-al livello molecolare – perché sono diversi, quindi sarà meglio preparate per lo sviluppo mirato di inibitori non-stimolante che proibiscono l'associazione successiva di cocaina e li aiuterà verso producendo un antidoto. "Il nostro obiettivo qui è che cocaina non poi funzionerà piu ' come l'antidoto inibiscono la risposta stimolatorio di prendere questo farmaco,"conclude Loland.

Effetti della cocaina sul cervello: Una volta nel cervello, cocaina funziona in gran parte occupando, o bloccando, siti del trasportatore della dopamina nei pulsanti terminali dei neuroni nel cervello. Questo impedisce la ricaptazione di dopamina dai neuroni che rilasciano, consentendo maggiori concentrazioni di dopamina a rimanere nella sinapsi per un periodo prolungato di tempo e che cosa provoca l'euforia iniziale e ricompensa comunemente segnalati di abusatori di cocaina. secondo l'Osservatorio europeo sulle droghe e sulle tossicodipendenze, la cocaina è che il secondo più comunemente usato droga illegale in Europa, dopo la cannabis.

Il trasportatore della dopamina: Il trasportatore della dopamina è una proteina che si trova nella membrana dei neuroni dopaminergici. Media la ricaptazione della dopamina rilasciata dalla relativa associazione al sodio di accoppiamento (Na ), utilizzando questo gradiente attraverso la membrana cellulare come forza motrice per dopamina pompa nella cellula. Anche altre droghe illecite come l'anfetamina (Adderall), metilfenidato (Ritalin) e modafinil (Provigil) funzionano inibendo il trasportatore della dopamina. Il trasportatore della dopamina è strutturalmente collegato strettamente ai trasportatori per altri neurotrasmettitori come la serotonina, noradrenalina, glicina e GABA.

Per accedere, andare la ricerca Giornale di chimica biologica.

Contatto: Claus Juul LolandTelefono: 0045 2875 6407

 

Healthsciences.ku.dk [en línea] Copenaghen (DEN): healthsciences.ku.dk, 22 de enero de 2015 [Ref. 13 de enero de 2015] Disponibile su Internet:http://healthsciences.ku.dk/News/news2015/Danish-Researchers-One-Step-Closer-Towards-a-Cocaine-Antidote/

 



Link trovato tra depressione e carenza di vitamina D

19 01 2015

Carenza di vitamina D non è solo nociva per la salute fisica – si potrebbe anche influire la salute mentale, secondo un team di ricercatori che ha trovato un legame tra disturbo affettivo stagionale, o triste, e una mancanza di luce solare.

QUT Professor Michael Kimlin guardò depressione e carenza di vitamina D.

Piuttosto che essere uno dei molti fattori, vitamina D potrebbe avere un ruolo regolativo nello sviluppo di SAD,” ha detto Alan Stewart dell'Università della Georgia College (UGA) dell'educazione.

Una partnership di ricerca internazionali tra UGA, l'Università di Pittsburgh (NOI) e il Università del Queensland di tecnologia in Australia ha segnalato il ritrovamento in novembre 2014 numero della rivista Ipotesi mediche.

Stewart e Michael Kimlin da QUT ’ s Scuola della salute pubblica e lavoro sociale effettuato una revisione di più di 100 principali articoli e trovano una relazione tra vitamina D e depressione stagionale.

“Disturbo affettivo stagionale si crede per interessare fino a 10 per cento della popolazione, Dipendendo dalla posizione geografica, ed è un tipo di depressione legate ai cambiamenti nella stagione,” Stewart ha detto, professore associato del dipartimento di consulenza e servizi di sviluppo umano.

“Ogni anno le persone con SAD hanno gli stessi sintomi, a partire da caduta e continuando attraverso i mesi invernali.”

Stewart ha detto, basato sul team ’ indagini s, vitamina D era probabile essere un fattore nella depressione stagionale.

“Crediamo che ci sono diverse ragioni per questo, compreso che i livelli di vitamina D oscillano stagionalmente nel corpo, in relazione diretta alla luce solare disponibile stagionalmente,” Egli ha detto.

“Per esempio, gli studi mostrano che vi è un ritardo di circa otto settimane tra il picco di intensità delle radiazioni ultraviolette e l'insorgenza di SAD, e questo è correlato con il tempo che necessario per radiazione UV essere trasformati dall'organismo in vitamina d.”

Vitamina D è anche coinvolto nella sintesi di serotonina e dopamina nel cervello, entrambi prodotti chimici legati alla depressione, secondo i ricercatori.

“Esiste evidenza che bassi livelli di dopamina e serotonina sono legati alla depressione, quindi è logico che possa esserci una relazione tra bassi livelli di vitamina D e sintomi depressivi,” Kimlin detto, Cancro Consiglio Queensland professore di Cancer Prevention Research.

“Gli studi inoltre hanno trovato pazienti depressi avevano comunemente più bassi livelli di vitamina d.”

Livelli di vitamina D variati secondo la pigmentazione della pelle. Persone con pelle scura spesso registrare più bassi livelli di vitamina D, secondo i ricercatori.

“Di conseguenza è suggerito che persone con una maggiore pigmentazione della pelle possono sperimentare non solo maggiori rischi di carenza di vitamina D, ma anche essere a rischio maggiore di condizioni psicologiche e psichiatriche,” Egli ha detto.

Kimlin, chi dirige QUT ’ s salute nazionale e centro medico Consiglio di ricerca per la ricerca d'eccellenza nel sole e salute, detti livelli adeguati di vitamina D sono stati essenziali nel mantenimento della salute delle ossa, con deficit causando l'osteomalacia in adulti e rachitismo nei bambini.

Livelli di vitamina D di più di 50 nanomoles per litro sono raccomandati dall'Istituto di medicina.

“Quello che sappiamo oggi è che ci sono forti indicazioni che mantenere adeguati livelli di vitamina D sono inoltre importanti per la salute mentale,” Kimlin detto.

“A pochi minuti di esposizione alla luce solare ogni giorno dovrebbero essere sufficiente per la maggior parte delle persone a mantenere uno status adeguato di vitamina D.

“Queensland è conosciuto come lo stato del sole in Australia ma quella doesn ’ t significa Queenslanders tutti ottenere abbastanza vitamina D.

“Questa ricerca è di importanza internazionale, perché non importa dove vivi, bassi livelli di vitamina D possono essere un problema di salute.”

Carta è disponibile qui

 

Contatto media:Sandra Hutchinson, QUT Media (Mar, Mer), 07 3138 9449 o media@qut.edu.au dopo ore, Rose Trapnell, 0407 585 901

 

 

 

Qut.edu.au [en línea] Brisbane (AUS): QUT.edu.au, 19 de enero de 2015 [Ref. 03 nel dicembre del 2014] Disponibile su Internet:https://www.QUT.edu.au/ salute/su/notizie/news?notizie-id = 82896



Ricercatori di Mayo trovano biopsie di cancro non promuovere la diffusione del cancro

15 01 2015

Uno studio di più di 2,000 pazienti dai ricercatori Campus della Mayo Clinic di Jacksonville, Florida, ha dissipato il mito che cancro biopsie provocano il cancro diffondere. Nel Jan. 9 edizione online del Intestino, essi mostrano che i pazienti che hanno ricevuto una biopsia ha avuto un risultato migliore e più lunga sopravvivenza rispetto ai pazienti che non hanno una biopsia.

 

L'immagine mostra un tumore del pancreas viene sottoposto a biopsia con un ago come visualizzata dall'ecografia endoscopica. L'endoscopio è stato situato all'interno dello stomaco (passato attraverso la bocca). Una sonda ecografica sulla punta dell'endoscopio permette la visualizzazione del pancreas che è immediatamente vicino allo stomaco. Un lungo ago viene guidato attraverso l'endoscopio e nel tumore sotto guida ecografica.

I ricercatori hanno studiati cancro del pancreas, ma i risultati probabilmente si applicano ad altri tumori perché tecnica diagnostica utilizzata in questo studio — aspirazione fine dell'ago — è comunemente utilizzato in tipi di tumore, dice il ricercatore senior dello studio e gastroenterologo Michael Wallace, M.D., M.P.H., professore di medicina.

Aspirazione fine dell'ago è una tecnica minimamente invasiva che utilizza un ago sottile e cavo per estrarre alcune cellule da un tumore massa. Una credenza di lunga data da un numero di pazienti e persino alcuni medici è stata che una biopsia può causare alcune cellule tumorali di diffondersi.

Mentre ci sono stati alcuni rapporti di caso che suggeriscono che questo può accadere, ma molto raramente — non è necessario per i pazienti di essere preoccupati per biopsie, dice il dottor. Wallace.

"Questo studio dimostra che i medici ed i pazienti dovrebbero sentirsi rassicurato che una biopsia è molto sicura,"egli dice. "Facciamo milioni di biopsie di cancro un anno negli Stati Uniti, ma uno o due casi di studio hanno portato a questo mito comune che le biopsie diffuso cancro."

Le biopsie di offrire "molto preziose informazioni che ci permettono di personalizzare il trattamento. In alcuni casi, possiamo offrire chemioterapia e radioterapia prima della chirurgia per un risultato migliore, e in altri casi, possiamo evitare del tutto la chirurgia e altra terapia,"Dr. Wallace dice.

Chirurgia per cancro del pancreas è "un'operazione molto grande,"e"la maggior parte delle persone dovrebbero desidera assicurarsi che essi hanno il cancro prima che subiscono la chirurgia,"egli dice. Uno studio ha mostrato che 9 per cento dei pazienti sottoposti a chirurgia a causa di sospetto cancro al pancreas in realtà avuto malattia benigna.

Dr. Wallace e il suo team hanno condotto due studi separati per esaminare il rischio della biopsia.

In un 2013 studio pubblicato nel Endoscopia, i ricercatori hanno esaminato i risultati in 256 cancro al pancreas pazienti curati presso la Mayo Clinic di Jacksonville, Florida. Hanno non trovato alcuna differenza nella ricorrenza del cancro tra 208 pazienti che hanno avuti aspirazione fine dell'ago ultrasuono-guida (EUS-FNA) e il 48 pazienti che non hanno una biopsia.

Nello studio corrente, sono stati esaminati 11 anni (1998–2009) di Medicare i dati su pazienti con tumore metastatico al pancreas che ha subito la chirurgia. I ricercatori hanno esaminato la sopravvivenza complessiva e pancreatico sopravvivenza cancro-specifica in 498 pazienti che hanno avuti EUS-FNA e 1,536 pazienti che non hanno una biopsia.

Durante un periodo di follow-up medio di 21 mesi, 285 patients (57 percent) in the EUS-FNA group and 1,167 patients (76 percent) nel gruppo non-EUS-FNA è morto. Cancro del pancreas è stato identificato come la causa di morte per 251 patients (nel gruppo EUS-FNA eNA group pazientipatieper cento percent) nel gruppo non-EUS-FNA.

Sopravvivenza mediana del gruppo EUS-FNA fu 22 mesi rispetto a 15 mesi nel gruppo EUS-FNA.

"Biopsie sono incredibilmente preziose. Essi ci permettono di praticare la medicina individualizzata — trattamento che è su misura per ogni persona e progettato per offrire il miglior risultato possibile,"Dr. Wallace dice.

Co-autori includono i ricercatori Campus della Mayo Clinic di Rochester, Minnesota.

Circa Mayo Clinic

Mayo Clinic è un'organizzazione no profit impegnata a educazione e ricerca medica, e fornendo esperto, cura tutta la persona a chiunque necessiti di guarigione. Per ulteriori informazioni, visita MayoClinic.com o newsnetwork.mayoclinic.org.

CONTATTO MEDIA: Kevin Punsky, Affari pubblici di Mayo Clinic, 904-953-0746.Posta elettronica: punsky.Kevin@Mayo.edu

 

da Kevin Punsky

 

Newsnetwork.mayoclinic.org [en línea] Jacksonville, FL (STATI UNITI D'AMERICA): newsnetwork.mayoclinic.org, 15 de enero de 2015 [Ref. 08 de enero de 2015] Disponibile su Internet:http://newsnetwork.mayoclinic.org/Discussion/Mayo-Researchers-Find-Cancer-biopsies-do-not-Promote-Cancer-spread/



Neuroprotesi per paralisi: un nuovo impianto sul midollo spinale

12 01 2015

Nuove terapie sono all'orizzonte per la ferita del midollo spinale di seguenti paralizzato gli individui. L'impianto di e-Dura sviluppato dagli scienziati EPFL può essere applicato direttamente al midollo spinale senza causare infiammazione e danno. Il dispositivo è descritto in un articolo apparso online gennaio 8, 2015, nella scienza.

 Immagine anteprima YouTube

EPFL gli scienziati sono riusciti a ottenere ratti a piedi proprio nuovamente utilizzando una combinazione di stimolazione elettrica e chimica. Ma applicando questo metodo agli esseri umani richiederebbe gli impianti polifunzionali che potrebbero essere installati per lunghi periodi di tempo sul midollo spinale senza causare alcun danno tissutale. Questo è precisamente ciò che hanno sviluppato le squadre dei professori Stéphanie Lacour e Grégoire Courtine. Loro impianto e Dura è progettato specificamente per l'impianto sulla superficie del cervello o del midollo spinale. Il piccolo dispositivo imita molto attentamente le proprietà meccaniche del tessuto vivente, e contemporaneamente può fornire impulsi elettrici e sostanze farmacologiche. I rischi di rigetto e/o danni al midollo spinale sono stati drasticamente ridotti. Un articolo sull'impianto apparirà ai primi di gennaio in Science Magazine.

Cosiddetti "impianti di superficie" hanno raggiunto un roadblock; non possono essere applicate a lungo termine al cervello o del midollo spinale, sotto l'involucro protettivo del sistema nervoso, altrimenti noto come il mater di dura","perché quando i tessuti nervosi spostare o allungare, si strofinano contro questi dispositivi rigidi. Dopo un po', Questo ripetuto attrito provoca infiammazione, accumulo di tessuto cicatriziale, e rifiuto.

 

Un impianto di facile-fa-it

Flessibile ed elastico, l'impianto sviluppato presso l'EPFL è posizionato sotto il mater di dura, direttamente sul midollo spinale. L'elasticità e il suo potenziale per deformazione sono quasi identici al tessuto vivente che lo circonda. Ciò riduce l'attrito e infiammazione al minimo. Quando impiantati in ratti, il prototipo e-Dura causata né danni né rifiuto, anche dopo due mesi. Più rigida la protesi tradizionale avrebbe causato danni ai tessuti del nervo significativo durante questo periodo di tempo.

I ricercatori hanno testato il prototipo di dispositivo applicando loro protocollo di riabilitazione — che combina stimolazione elettrica e chimica – ai ratti paralizzati. Non solo l'impianto ha dimostrato la sua biocompatibilità, ma ha anche fatto il suo lavoro perfettamente, permettendo che i ratti a riacquistare la capacità di camminare sul propria nuovamente dopo poche settimane di addestramento.

"Il nostro impianto e Dura può rimanere per un lungo periodo di tempo sul midollo spinale o la corteccia, proprio perché ha le stesse proprietà meccaniche del mater di dura si. Questo apre nuove possibilità terapeutiche per i pazienti che soffrono di disturbi o traumi neurologici, particolarmente gli individui che sono paralizzati dopo la ferita del midollo spinale,"spiega Lacour, co-autore del libro, e titolare della cattedra di Bertarelli EPFL in tecnologia Neuroprosthetic.

 

Flessibilità del tessuto, efficienza di elettronica

Sviluppare l'impianto e Dura è stato abbastanza una prodezza di ingegneria. Come flessibile ed estensibile come tessuto vivente, comunque include elementi elettronici che stimolano il midollo spinale al momento dell'infortunio. Il substrato di silicio è coperto d'oro cracking elettrico conducendo tracce che possono essere tirati e allungati. Gli elettrodi sono costituiti da un innovativo composto di silicio e microperle platino. Essi possono essere deformate in qualsiasi direzione, garantendo ancora ottimale conducibilità elettrica. Infine, un microchannel fluidico consente la consegna di sostanze farmacologiche – neurotrasmettitori in questo caso – che sarà rianimare le cellule nervose sotto il tessuto danneggiato.

L'impianto può essere utilizzato anche per monitorare gli impulsi elettrici dal cervello in tempo reale. Quando hanno fatto questo, gli scienziati sono stati in grado di estrarre con precisione motore intento dell'animale prima di esso è stato tradotto in movimento.

"È il primo impianto di superficie neuronale progettato dall'inizio per applicazione a lungo termine. Al fine di costruire, abbiamo dovuto unire esperienza da un considerevole numero di aree,"spiega Courtine, co-autore e titolare della cattedra di IRP EPFL in riparazione del midollo spinale. "Questi includono scienza dei materiali, elettronica, neuroscienze, medicina, programmazione di algoritmo e. Non credo ci siano molti posti al mondo dove si trova il livello di cooperazione interdisciplinare che esiste nel nostro centro per neuroprotesi."

Per il momento, l'impianto e-Dura è stata testata principalmente nei casi di lesioni del midollo spinale nei ratti paralizzati. Ma il potenziale per l'applicazione di questi impianti di superficie è enorme – ad esempio nell'epilessia, Morbo di Parkinson e gestione del dolore. Gli scienziati stanno progettando di spostare verso sperimentazioni cliniche nell'uomo, e a sviluppare il loro prototipo in preparazione per la commercializzazione.

 

Actu.EPFL.ch [en línea] Lausanne (CH): actu.EPFL.ch, 12 de enero de 2015 [Ref. 08 de enero de 2015] Disponibile su Internet:http://actu.EPFL.ch/News/neuroprosthetics-for-Paralysis-an-New-Implant-on-t/



Nuova tecnica di MRI permette immagini dettagliate delle strutture muscolari complessi e danno muscolare

8 01 2015

TU/e e l'Academic Medical Center di Amsterdam insieme hanno sviluppato una tecnica che permette di dettagliate immagini 3D di strutture complesse del muscolo dei pazienti. Esso consente inoltre di danni muscolari da rilevare molto precisamente. Questa nuova tecnica apre la strada a diagnosi molto meglio e più paziente-friendly di malattie muscolari. Esso consente inoltre accurato, esami muscolo invasivo tra i migliori atleti. Martijn Froeling riceverà un PhD per questa ricerca a TU/e di oggi, Lunedì 29 Ottobre.

bacino di struttura muscolare | immagine: Martijn Froeling

Froeling utilizza la formazione immagine del tensore di diffusione (DTI), una tecnica di MRI che permette i movimenti delle molecole d'acqua nel tessuto vivente per essere visualizzato. Perché i muscoli sono fatti di fibre, i movimenti delle molecole di acqua nella direzione delle fibre sono diversi da quelli di altre direzioni. Questa caratteristica permette di muscoli essere imaged con un elevato livello di dettaglio. Questo era già possibile su piccola scala con semplici muscoli, ma grazie al lavoro di Froeling può ora essere fatto anche su scala più ampia e con le strutture del complesso muscolare. Ancora più importante, Questa tecnica migliorata rivela anche danni muscolari molto piccolo, a causa di diversi movimenti delle molecole d'acqua nelle fibre muscolari danneggiate.

3Immagini D

Per raggiungere questi risultati, Froeling migliorato il processo di acquisizione dati – lo scanner MRI di modo immagini del muscolo in esame. Questo deve essere eseguito relativamente velocemente, perché è a disagio per i pazienti a mentire in uno scanner MRI per lungo tempo, ma allo stesso tempo deve fornire dati sufficientemente dettagliati. Migliorò anche l'elaborazione dei dati acquisiti in immagini 3D affidabile. I medici possono ora visualizzare facilmente strutture muscolo complesso da tutte le angolazioni sullo schermo. Nessun nuovo impianto è stato necessario; i ricercatori hanno usato i sistemi clinici ampiamente disponibili standard.

Maratoneti

Come uno studio pratico, Froeling imaged una vasta gamma di argomenti tra le cosce di maratoneti in momenti diversi: una settimana prima di una maratona, due giorni dopo che, e ancora tre settimane dopo. Egli era in grado di visualizzare il danno muscolare dopo la maratona. Questo era ancora visibile dopo tre settimane, anche se i corridori stessi in molti casi non segnalati non più alcun dolore nei loro muscoli. Un altro studio è stato del pavimento pelvico nelle donne; un buon esempio di una struttura altamente complesso muscolare. La tecnica ha dimostrato di essere capace di questa struttura di imaging con grande precisione, che lo rende potenzialmente molto prezioso per la diagnosi di condizioni quali il prolasso uterino.

Area vasta applicazione

AMC Amsterdam e TU/e ora intende utilizzare questa tecnica in studi sulla sindrome post polio e atrofia muscolare spinale. Froeling crede che ci sono numerose applicazioni potenziali: Ci sono intorno 600 diversi tipi di malattie muscolari e danni, e la nuova tecnica migliorerà la capacità di studiare queste. Tuttavia, ulteriori studi saranno necessari prima: Sebbene la tecnica permette di malattia muscolare o lesioni essere imaged non rivela la causa precisa, quale potrebbe essere lo strappo, infiltrazione grassa o altre anomalie. Chiarimento è necessario ancora anche su quali sono i valori normali sani uomini e donne di diverse età, per fornire un quadro di riferimento per l'identificazione di anomalie in diversi gruppi di pazienti. Un altro tipo di applicazione è negli esami dei migliori atleti del, per consentire la tempestiva rilevazione di danni muscolari o migliore stima del tempo di recupero necessario dopo lesioni.

Martijn Froeling guadagnerà il suo dottorato di ricerca presso Università della tecnologia di Eindhoven Lunedi 29 Ottobre per la sua tesi dal titolo ' DTI del muscolo scheletrico umano, Dalla simulazione all'implementazione clinica '. Suo supervisore di tesi è il Prof. Klaas Nicolay, professore di NMR biomedica presso TU/e. Co-supervisori sono dr.ir. Gustav Strijkers (TU/e) e dr.ir. Aart Nederveen (AMC).

 

Tue.nl [en línea] Eindhoven (NL): tue.nl, 08 de enero de 2015 [Ref. 29 Ottobre di 2012] Disponibile su Internet:http://www.tue.nl/en/University/Departments/Biomedical-Engineering/News/29-10-2012-New-MRI-Technique-allows-detailed-Imaging-of-Complex-Muscle-Structures-and-Muscle-Damage/



Liposomi: una possibile alternativa agli antibiotici

5 01 2015

Gli scienziati dell'Università di Berna hanno sviluppato una romanzo sostanza per il trattamento di gravi infezioni batteriche senza antibiotici, che impedirebbe lo sviluppo della resistenza agli antibiotici.

 

Credito: Eric Erbe, Christopher Pooley, Wikipedia

Mai poiché lo sviluppo della penicillina quasi 90 anni fa, gli antibiotici sono rimasti il gold standard nel trattamento delle infezioni batteriche. Tuttavia, l'OMS ha avvertito ripetutamente di una crescente emersione di batteri che si sviluppano resistenza agli antibiotici. Una volta che gli antibiotici non più proteggere da infezioni batteriche, una semplice polmonite potrebbe essere fatale.

Concetti terapeutici alternativi, che conducono all'eliminazione di batteri, ma non promuovono resistenza mancano ancora.

Un team di scienziati internazionali ha testato una sostanza romanzo, che è stato sviluppato da Eduard Babiychuk e Annette Draeger dall'Istituto di anatomia, Università di Berna, in Svizzera. Questo composto costituisce un nuovo approccio per il trattamento delle infezioni batteriche: gli scienziati hanno progettato nanoparticelle artificiale fatte di lipidi, “liposomi” che assomigliano molto attentamente la membrana della cellula ospite. Questi liposomi agiscono come esche per tossine batteriche e così sono in grado di sequestrare e neutralizzarli. Senza tossine, i batteri sono resi indifesi e può essere eliminati dalle cellule dell'ospite ’ s proprio sistema immunitario. Lo studio sarà pubblicato nel Nature Biotechnology Nov 2.

 

Esche artificiali per tossine batteriche

In medicina clinica, liposomi sono utilizzati per fornire il farmaco specifico nel corpo dei pazienti. Qui, gli scienziati Bernese hanno creato liposomi che attraggono le tossine batteriche e quindi proteggono le cellule ospiti da un attacco di tossina pericolosa.

“Abbiamo fatto un'esca irresistibile per tossine batteriche. Le tossine sono fatalmente attratti i liposomi, e una volta sono collegate, può essere eliminati facilmente senza pericolo per le cellule dell'ospite”, dice Eduard Babiychuk che ha diretto lo studio.

“Poiché i batteri non sono mirati direttamente, i liposomi non promuovono lo sviluppo di resistenza batterica”, aggiunge Annette Draeger. Topi trattati con i liposomi dopo sperimentale, setticemia mortale è sopravvissuto senza ulteriore terapia antibiotica.

 

Esplorare ulteriormente: Vecchio farmaco può essere la chiave per nuovi antibiotici

Ulteriori informazioni: Brian D. Henry, Daniel R. Neill, Anne Becker Katrin, Suzanna Gore, Laura Bricio-Moreno, Regan Ziobro, Michael J. Edwards, Kathrin Mühlemann, Jörg Steinmann, Burkhard Kleuser, Lukasz Japtok, Miriam Luginbühl, Heidi Wolfmeier, André Scherag, Erich Gulbins, Aras Kadioglu, Annette Draeger & Eduard B. Babiychuk: “Liposomi derivati dal sequestrano esotossine batteriche e proteggono da gravi infezioni invasive nei topi,” Nature Biotechnology, 2.11.2014, DOI: 10.1038/NBT.3037

Riferimento della Gazzetta: Nature Biotechnology

Notizia fornita da Università di Berna

 

 

Phys.org [en línea] Douglas, Isola di Man (REGNPhys.org: phys.org, 05 de enero de 2015 [Ref. 04 Novembre di 2014] Disponibile su Internet:http://Phys.org/News/2014-11-alternative-antibiotics.html



Ricostruzione di un orecchio da una copia di 3D

1 01 2015

Avvale di un team di chirurghi nell'ospedale San Juan de Dios, per la prima volta in Spagna, una copia in 3D per ricostruire l'orecchio di un ragazzo che è nato senza di essa

Un team di chirurghi plastici dalla Ospedale Sant Joan de Deu Barcellona, guidato dal dottor. Francisco Parri, stato utilizzato per la prima volta in Spagna una copia in 3D per ricostruire l'orecchio di un adolescente che è nato con questo corpo sottosviluppato. I chirurghi erano basati sull'esplorazione di CT (TAC) orecchio sano per ordinare uno specchio copia (invertito) in tre dimensioni, che servono come loro modello per costruire il nuovo orecchio. Con la copia in 3D - finora utilizzato una copia piatta- Chirurghi guadagnano molta precisione nella ricostruzione dell'orecchio, È molto difficile ricostruire, dato il gran numero di pieghe e rilievi che presenta.

Il ragazzo operato ha microtia, una malformazione congenita che che ti fa uno di ciascuno 10.000 i bambini sono nati con uno o due orecchie sottosviluppate. Nei casi più lievi, il bambino ha più piccoli del normale e nei casi più gravi l'orecchio esterno, non hanno sentito. In entrambi l'orecchio medio e il condotto uditivo sono malformate ma l'orecchio interno è in buone condizioni, perché ha altra origine embrionale. Nei casi più gravi, la malformazione è accompagnata da altri problemi di sviluppo e sindromi.

In una prima fase, professionisti concentrano i loro sforzi per valutare i livelli di udito del bambino orecchie e lavoro per garantire che ipoacusia spesso è associato non interferisca nell'apprendimento del bambino e lo sviluppo. In molti casi hanno messo un vibratore esterno per mantenere la funzionalità del nervo uditivo, essere sano.

La mancanza o il sottosviluppo di un orecchio può essere, Oltre a un problema di sordità, un problema estetico che spesso suscita commenti dall'ambiente e influenzare psicologicamente il bambino e la sua famiglia. Alcuni bambini colpisce entrambi che essi decidono di sottoporsi ad una ricostruzione dell'orecchio a partire dall'età di 10 años, che è l'età in cui si è ritenuto che questo corpo ha raggiunto la dimensione adulta e ora non crescerà più. Il caso presentato è quella di un ragazzo di Ganni 17 años.

La ricostruzione del processo dell'orecchio è lunga e coinvolge due interventi:

1. Nel primo discorso, Chirurghi rimosso quattro cartilagini delle costole del paziente per costruire “lo scheletro” nuovo orecchio utilizzando come modello inverso in tre dimensioni dell'orecchio sano è stato precedentemente fatto un'operazione di copia. Qui di seguito, impiantato questo scheletro cartilagineo dell'orecchio nuovo nel posto dove dovrebbe andare, sotto la pelle del paziente, così sarà adattare allo stampo e acquisendo i rilievi e le pieghe.

2. Un anno dopo, il paziente restituisce alla sala operatoria per cui i chirurghi si “Sbucci fuori” l'orecchio del cranio mettendo un innesto di pelle prelevato dalla zona capillare.

L'ospedale Sant Joan de Déu è il centro di riferimento per la ricostruzione plastica della microtia accreditato dal Ministero della salute (CSUR CONO). Ogni anno l'unità riceve 20 nuovi casi di bambini con microtia candidati ad una ricostruzione plastica ed effettuate una decina di interventi di ricostruzione di pinna. Poiché l'anno 2009 al giorno d'oggi, San Juan de Dios chirurghi hanno fatto 56 completare la ricostruzione delle procedure auricle e 378 ricostruzioni parziali.

L'unità sta attualmente lavorando in modo che tutti i bambini nati con questa malformazione in Spagna e che dimostrano la volontà di sottoporsi ad una ricostruzione dell'orecchio si riferiscono a San Juan de Dios. In Catalogna, messa in servizio, in 2010, udienza del programma di screening neonatale ha reso possibile.

Campagna di sensibilizzazione microtia

L'associazione microtia Spagna (AME), la Federazione spagnola per le malattie rare (FEDER) e Imaginarium hanno lanciato una campagna per pubblicizzare la microtia in modo delicato e naturale e per ottenere i bambini ad accettare la differenza attraverso la conoscenza. Imaginarium, Leader spagnolo Mark nel campo di gioco e di educazione della prima infanzia, hanno creato una nuova versione di Teddy KicoNico, avendo uno più piccolo di altro orecchio, come i bambini nati con microtia. Per ogni rete KicoNico che viene venduto, Imaginarium darà 5 euro per l'AME e FEDER. La campagna ha incoraggiato anche agli acquirenti di prendere una foto di KicoNico in situazioni quotidiane e farla circolare attraverso i social network con l'hashtag # #microtiared e #donakikonicored.

 

 

Hsjdbcn.org [en línea] Barcellona (STATI UNITI D'AMERICA): hsjdbcn.org, 01 de enero de 2015 [Ref. 16 nel dicembre del 2014] Disponibile su Internet:http://www.hsjdbcn.org/Portal/es/Web/2149152853/cTnT/dD98/_/_/znip90/un-equipo-de-Cirujanos-del-Hospital-San-Juan-de-Dios-emplea-por-primera-vez-en-es.html