ORGANI UMANI 'STAMPATI' SU MISURA APPENA UN DECENNIO DI DISTANZA

13 05 2013

Università di Wollongong (UOW) gli scienziati sono all'avanguardia di una rivoluzione medica utilizzando 'stampa' 3D per riprodurre parti del corpo umano.

Director of UOW’s ACES, Professor Gordon Wallace

Direttore di assi di UOW, Il professor Gordon Wallace

 

 

Ricercatori di UOW ARCO centro di eccellenza per la scienza Electromaterials (ACES) e Hospital di St. Vincent, Melbourne, ha annunciato oggi a Melbourne (Venerdì 3 Maggio) che sono appena tre anni lontano dalla stampa di parti del corpo su misura, muscolo e le cellule nervose e cartilagine. E in poco più di un decennio, Essi ritengono che sarà possibile stampare gli organi umani.

"È già possibile stampare 3D plastica biocompatibile e metalli per la produzione di paziente-specifici impianti,"ACES direttore Professor Gordon Wallace ha detto.

"Entro pochi anni, Crediamo che sarà possibile per la fabbricazione di tessuti viventi come pelle, cartilagine, le arterie e valvole cardiache utilizzando cellule e biomateriali. Utilizzando un paziente proprio le cellule per creare questo tessuto evita problemi di rigetto immunitario. Da 2025, è fattibile che saremo in grado di fabbricare organi funzionali completi, su misura per un singolo paziente."

Professor Wallace e il suo team si sono riuniti con i medici, produttori di dispositivi medici e responsabili politici questa settimana a Melbourne per discutere il futuro del fabbricato protesi mediche.

Professor Wallace ha detto stampa 3D, o fabbricazione additiva, utilizza macchine per costruire oggetti 3D strato dopo strato da dati digitali.

"Mentre la stampa 3D è già utilizzata in alcune applicazioni mediche, mettendo insieme i materiali e scienziati presso gli assi e i medici e ricercatori a SVH siamo stati in grado di accelerare il nostro progresso che ora siamo sull'orlo di una nuova ondata di tecnologia sfruttando tecniche di fabbricazione di stampa/additivo 3D per offrire soluzioni di un certo numero di sfide mediche. Questi includono dispositivi bionici, la rigenerazione del nervo, muscolo ed osso, così come l'epilessia rilevamento e di controllo."

Professor Wallace ha detto che la ricerca avrebbe ricevuto una Spinta enorme il mese prossimo con il lancio di un'unità di additivo biofabrication all'ospedale di St Vincent a Melbourne, espandendo il programma dalla sua base presso l'Università di Wollongong Intelligent Polymer Research Institute (IPRI), il nodo di piombo di assi. Impianto di St. Vincent sarà il primo del suo genere in Italia per trovarsi in un ospedale.

"Questo è uno sviluppo emozionante che coinvolge la creazione di un impianto su misura a St. Vincent, Melbourne. [Esso] metterà i nostri scienziati ed ingegneri in contatto diretto con i clinici su base giornaliera [e] è previsto per rilevare velocemente la realizzazione di dispositivi medici pratici e la riproduzione di organi,"Professor Wallace ha detto.

 

Media.uow.edu.au [en línea] Wollongong (AUS): Media.UOW.edu.au, 13 de mayo de 2013 [Ref. 03 nel maggio del 2013] Disponibile su Internet:http://media.uow.edu.au/news/UOW148734.html


Azioni

Informazioni

Lascia un commento

È possibile utilizzare questi tag : <"href ="" title = "" ""> <ABBR title = ""> <titolo sigla = ""> <(b)> <Citare BLOCKQUOTE = ""> <citare> <codice> <DateTime = ""> <EM> <i> <citare q = ""> <sciopero> <forte>