Tecnología espacial para reducir la ceguera por degeneración macular

7 05 2015

El Laboratorio de Óptica diseña unas lentes con tecnología de telescopios espaciales capaces de reducir hasta en ONU 40% la ceguera provocada por la degeneración macular asociada alla edad.

 

La rivista 'Express ottica biomedica' appena presentato questa svolta tecnologica che consente un trattamento chirurgico contro la causa principale di perdita totale della vista in anziani di 55 anni. Il minitelescopios iolAMD, progettato dal team del Professor Artal Pablo in collaborazione con la dott. ssa. Qureshi della London Eye Hospital Pharma, impiantato in dieci minuti e senza bisogno di suture essere il primo prodotto con un materiale flessibile.

Migliaia di degenerazione macular relativa all'età colpita (DME) Può ancora portare, leggere, guardare la televisione e riconoscere i volti grazie alla più recente sviluppo ottico creato dal laboratorio di ottica dell'Università di Murcia (LOUM). Il team di ricerca diretto da Pablo Artal, Professore di ottica ed esperto di fama mondiale in ottica adattiva, ha servito la propria tecnologia di telescopio spaziale per creare le lenti intraoculari in grado di ridurre la perdita di visione progressiva e irreversibile sofferenza da quelli affetti da disturbo grave occhio.

La degenerazione macula associata all'età è la prima causa di cecità in anziani di 55 anni nei paesi occidentali, con più di 25 milioni di pazienti in tutto il mondo. Il paziente perde la visione centrale di danneggiare i vasi sanguigni che riforniscono la macula, un'area della retina che è responsabile per la nostra vista è più tagliente e si possono apprezzare i dettagli. Pazienti con DME in fase acuta sono stati condannati alla cecità, all'assenza di un farmaco efficace e sicuro o trattamento chirurgico. Fino ad oggi.

La prestigiosa rivista scientifica 'Ottica biomedica Express' descrive nel suo ultimo numero il progresso tecnologico che il fisico Pablo Artal team di ricerca ha sviluppato per la minitelescopios in stretta collaborazione con il dottor Qureshi, Direttore e fondatore del famoso London Eye Hospital (Regno Unito). Lo scopo di questo famoso oftalmologo doveva intervenire a DME colpite utilizzando lo stesso tipo di microchirurgia utilizzato nell'operazione di cataratta.

 

Ispirato da Galileo Galilei

"Siamo ispirati dal telescopio primo che Galileo Galilei costruito in" 1609 per dimostrare che la terra ruotava intorno al sole. È un telescopio rifrangente, con una lente positiva e altri negativi. A partire da lì risolti i problemi che presenta altre procedure ottici non è riusciti a trattare il DME giocato anche il telescopio di Galileo. Il vantaggio principale di portare le nostre lenti è che siamo stati in grado di produrli con un materiale flessibile, È iniettato nell'occhio attraverso una piccola incisione che non richiede punti di sutura, che riduce significativamente il rischio di infezioni e complicazioni postoperatorie. È come fare il salto da un'operazione di aprire il cuore a un taglio delle dimensioni di uno slot di blocco", insegnante dettagliate Artal.

Un'altra delle innovazioni che rendono questi minitelescopios di che un promettente trattamento prevede l'applicazione modificato ottico. Egli professore Artal precisa che "le lenti iolAMD spostare la visione del paziente verso la zona periferica dell'occhio", evitando così la centrale zona danneggiata. In questo modo, il paziente controlla la loro visione senza bisogno di girare bruscamente la testa ogni volta che si concentra su un oggetto e, Inoltre, "il design ottico avanzato risolve gravi problemi di adattamento per le particolarità che ha ogni occhio", insegnante dettagliate Artal.

Oggi si sono effettuati studi clinici in più di 200 pazienti del Regno Unito, Germania e Italia. I destinatari di questi innovativi minitelescopios hanno sperimentato un miglioramento nella visione di tra un 20% e un 40%, Secondo i dati preliminari che gestisce il London Eye Hospital. Professore di ottica dell'UMU sottolinea che "non è una cura, ma restituire tale percentuale di visione che può significare una persona con DME per darvi l'opportunità di guidare o di leggere". Tuttavia, i risultati finali di questi studi clinici convaliderà presto con relativa pubblicazione su riviste accreditate.

 

Video : http://showecho.com/theater/f45266e-4500-4f12-4018-4398483a4ace

 

 

Lo.um.es [en línea] Murcia (ESP): Lo.UM.es, 07 nel maggio del 2015 [Ref. 13 Marzo di 2015] Disponibile su Internet:http://lo.um.es/tecnologia-espacial-para-reducir-la-cegueRA-por-degeneracion-macular/

 


Azioni

Informazioni

Lascia un commento

È possibile utilizzare questi tag : <"href ="" title = "" ""> <ABBR title = ""> <titolo sigla = ""> <(b)> <Citare BLOCKQUOTE = ""> <citare> <codice> <DateTime = ""> <EM> <i> <citare q = ""> <sciopero> <forte>